IL "BÖGN" DI ZORZINO E-mail

Venerdì 26 luglio 2013 - ore 20.45
Centro Civico Culturale
Lovere - Via del Cantiere al Porto Turistico

 

6
Bogn di Zorzino
Una passeggiata in compagnia di un naturalista

a cura di
Aldo Avogadri

LA LOCANDINA


La formazione che si affaccia sulla sponda occidentale del lago di Iseo con i suoi strati che si ergono verticalmente nel suggestivo “Bogn” di Zorzino documenta il passaggio nettissimo tra due formazioni eteropiche, la Dolomia Principale massiccia ed il “calcare di Zorzino” regolarmente stratificato in lance di pietra.

6
Strati verticali
In  passato questo luogo fu un territorio interessato da  violentissimi fenomeni  tettonici che  hanno determinato la singolare disposizione delle pareti stratificate, costituite da una roccia durissima ma nel contempo estremamente fragile data la conformazione a  scaglie di spessore e dimensioni varie, che interrompono con il loro distaccamento il silenzioso e velato ricordo di ere preistoriche.

 

Datazione
Retico inferiore e medio

Descrizione litologica
La formazione è costituita da calcari, marnosi compatti prevalentemente grigio-nocciola, grigio-scuri e grigio-neri, a stratificazione media o massiccia con intercalazione anche cospicue di marne o argilliti bruno-nerastre ; talora sono evidenti due o più livelli di calcari madreporici.

Reperti paleontologici
La formazione presenta talora livelli molto ricchi di fossili, che attestano una abbondanza di fauna ben rappresentata sia dal numero di esemplari che dal numero della specie.

I calcari madreporici sono ricchissimi di coralli

 
< Prec.   Pros. >